COME SAPERE QUANTI KW DEL CONTATORE MI SERVONO IN BASE AI MQ DELLA CASA

ID Proprietà: 16043
Italy
Osservatori Immobiliari
  • 32
  • 0

Descrizione

Indice dei contenuti
Che cos’è la potenza del contatore e a cosa serve
Quanti kW servono per la mia casa
Come sapere quanti kW del contatore mi servono
Come scegliere la potenza che serve in casa
Contatore di potenza 1,5 kW
Contatore di potenza 3 kW
Contatore di potenza 4,5 kW
Contatore di potenza 6 kW
Contatore di potenza superiore a 6 kW
Per leggere, abbassare o aumentare la potenza elettrica del contatore in casa è sufficiente reperire il dato sulla bolletta della luce più recente, o sull’account dell’azienda fornitrice. Ma come fare quando stiamo per acquistare casa con un impianto già installato, o con la corrente da allacciare?

In questi casi avremo bisogno di capire quanti kW (Kilowatt) occorrono per coprire il fabbisogno della nuova casa e dello stile di vita che si desidera portare avanti. Più apparecchi ed elettrodomestici utilizziamo, più potenza servirà per non far scattare la corrente. Vediamo come preventivare questo dato.

Che cos’è la potenza del contatore e a cosa serve
La disciplina chiamata “elettrotecnica” definisce il concetto di potenza elettrica come la velocità che attraversa l’energia in un circuito elettrico, nel corso di una unità di tempo in secondi.

Ciò significa che se tenessimo contemporaneamente accesi tutti gli elettrodomestici e i lampadari di una casa, molto probabilmente la luce scatterebbe perché l’impianto non ha sufficiente potenza a reggere tutta l’energia che transita nei circuiti elettrici in quella unità di tempo.

LEGGI ANCHE: Potenza del contatore: cos’è, come calcolarla e come scegliere quella giusta per la casa

Quanti kW servono per la mia casa
Di solito, per una casa di medie e piccole dimensioni (70/80 metri quadrati), serve un contatore con una potenza di 3 kW.

Potenza elettrica che possiamo aumentare o diminuire, a seconda dei consumi delle utenze domestiche, della classe energetica (più è elevata, e meno consumano e inquinano gli elettrodomestici), e in base anche all’eventuale quantità di energia rinnovabile che possiamo produrre e sfruttare.

La potenza di cui avremo bisogno tenderà a scendere in proporzione al miglioramento della classe energetica e del sistema di fornitura elettrica, ad esempio con i pannelli fotovoltaici o altri sistemi di energia rinnovabile.

In media, per una casa di 100/120 metri quadri, dovrebbe bastare un contatore da 4,5 kW.

Come sapere quanti kW del contatore mi servono
Prima di comprare casa, cambiare classe energetica, rinnovare l’impianto elettrico, aumentare e abbassare la capacità dell’impianto, possiamo valutare quanta potenza mediamente ci occorrerà per l’utilizzo della corrente, senza che il contatore si stacchi ripetutamente.

Per farlo, possiamo attenerci indicativamente:

alle dimensioni della casa;
al tipo di caldaia;
agli elettrodomestici e apparecchi elettrici;
al consumo medio che troviamo tra le voci in bolletta.
LEGGI ANCHE: Come si aumenta la potenza del contatore?

Inoltre, occorre anche considerare che:

1 kW equivale a 1000 Watt;
la potenza disponibile è riportata in bolletta, e viene misurata in kW (Kilowatt);
invece, il kWh (kilowattora) indica quanta energia assorbe un elettrodomestico della potenza di 1 kW, nel tempo di 1 ora.
Una casa di circa 100 metri quadri, dotata di una normale caldaia e con elettrodomestici essenziali, dove il consumo degli abitanti non è eccessivo, avrà bisogno di almeno 4,5 kW di potenza, includendo la possibilità di sforare del 10% senza che il contatore scatti.

Ma se volessimo acquistare una casa e dotarla di impianto a pompa di calore, piano cottura a induzione, consolle e televisore di ultima generazione, e altri apparecchi energivori? A questo punto, dovremmo valutare la possibilità di salire di potenza, perciò le dimensioni in metri quadri della casa potrebbero non bastare come parametro di valutazione.

Ecco come fare indicativamente.

Come scegliere la potenza che serve in casa
I clienti consumatori possono scegliere tra i vari livelli di potenza in base al fabbisogno e allo stile di vita.

Per evitare formule e calcoli complessi, fornitori e tecnici solitamente consigliano di seguire una scala media di valori, come segue:

Contatore di potenza 1,5 kW
È sufficiente per un piccolo rustico in campagna, dotato di solo frigorifero e illuminazione della casa.

Contatore di potenza 3 kW
È la potenza più utilizzata, sufficiente per una casa di classe energetica alta, dalle dimensioni massime di 100 metri quadrati, abitata fino a 4 persone, che utilizzano elettrodomestici di base.

Contatore di potenza 4,5 kW
Occorre salire a 4,5 kW per una casa di 120 metri quadri, per 4 persone, dotata di più condizionatori d’aria, scaldabagno elettrico, e assortimento di apparecchi elettrodomestici più variegato.

Contatore di potenza 6 kW
Questa potenza è necessaria per abitazioni decisamente più grandi, da 150 metri quadri in su, con apparecchiature sofisticate e energivore anche in classe energetica alta, quindi:

cucina con piano a induzione;
asciugatrici;
televisori di ultima generazione;
consolle;
domotica;
pompa di calore;
scaldabagni;
congelatore;
frigorifero.
LEGGI ANCHE:

Quanto consuma una tv accesa tutto il giorno?
Quanto assorbe un piano a induzione? Cosa significa e quanti Kw servono?
Contatore di potenza superiore a 6 kW
È necessario persino superare i 6 kW in caso di casa o villa con piscina riscaldata, e apparecchi molto energivori con utenze a trifase.

Per una potenza così elevata l’auspicio è che l’abitazione raggiunga livelli alti di efficientamento energetico con soluzioni tendenti a zero emissioni.

Informazioni

Nessuna informazione.

Immobili simili

Nessun immobile simile